Blog Post

Ultime News
16 settembre 2015
system-of-a-down-2015

System Of A Down: un fan rischia la morte nel pit

Durante il fine settimana, il Riot Fest ha invaso la città di Chicago Chicago con tre giorni di grande musica. I System Of A Down erano parte del carrozzone, occupando la prestigiosa posizione di headliner la sera di sabato 12 settembre. Un evento piuttosto raro per la band di origine armena dato il lungo periodo di inattività discografica, che purtroppo è degenerato, costringendo il gruppo a fermarsi più volte durante la loro performance .

Si sa, molte volte ai concerti si scatena la ressa e il pubblico dei System Of A Down, questa volta, ha fatto le cose in grande. Sabato sera sono state necessarie vere e proprie misure d’emergenza per evitare il peggio dopo che un numeroso gruppo di fan ha travolto la gente circostante in un pit divenuto vera e propria zona di guerra. La testimonianza più cruda della serata è stata condivisa con Wrestlezone dall’aspirante pro-wrestler Steve Schneider, che ha seriamente rischiato la vita. Il ragazzo potrebbe infatti essere deceduto se non fosse stato per l’intervento della sicurezza del festival e del personale medico.

«Sono caduto durante il concerto dei System Of A Down, poi qualcuno è caduto su di me e io non riuscivo a respirare», scrive Schneider. «Poi, una volta rialzatomi, qualcun altro è caduto su di me. Non finiva più. Ad un certo punto avevo qualcuno sulla schiena, e un altra persona seduta o in piedi sulla testa e così facendo teneva la mia faccia immersa nel fango. Non riuscivo a respirare, ogni volta che ci provavo inalavo acqua fangosa. È stata l’esperienza più spaventosa di tutta la mia vita perché non avevo idea di quanto tempo sarei rimasto intrappolato così. Sembra che i System Of A Down abbiano dovuto smettere di suonare in modo che i paramedici potessero tirarmi fuori, ma a quel punto ero incosciente e quindi non ricordo niente. I miei occhi sono un coagulo di sangue a causa dello svenimento, della mancanza d’aria e del mio tentativo di urlare per la disperazione mentre qualcuno mi schiacciava la testa».

Schneider ha anche reso pubbliche alcune foto che lo ritraggono dopo l’incidente che mostrano la gravità della situazione.

schneider-infortunio-1

L’aspirante pro-wrestler Steve Schneider subito dopo l’incidente incorso al concerto dei System Of A Down. (clicca per ingrandire)

schneider-infortunio-2

Schneider mostra i danni riportati la sera di sabato 12 settembre. L’occhio destro evidenzia un coagulo di sangue.  (clicca per ingrandire)

Di seguito si può vedere anche il video, registrato da un fan, in cui i System Of A Down fermano il loro set dopo “Aerials”. Nel filmato si possono sentire chiaramente Serj Tankian e Daron Malakian chiedere ai fan di liberare lo spazio dopo che il mosh si è ingrandito a tal punto da diventare pericoloso. «Noi amiamo suonare in queste grandi occasioni, ma non vale la pena che una persona si faccia male», ha dichiarato Tankian.

Si registra anche una certa preoccupazione da parte della band nel riprendere il proprio spettacolo, nonostante abbia poi proseguito con “BYOB” introdotta dal preludio di “Soldier Side”. «È estremamente imbarazzante cantare quando ci sono persone che sembra stiano morendo proprio davanti a me», ha pronunciato Malakian alla folla. Circa a metà dell’esecuzione di “BYOB”, la sicurezza ha chiesto ai System Of A Down di fermarsi un ultima volta, prima della ripresa definitiva.

Leave a Reply