Blog Post

Ultime News
18 novembre 2013
Intervista a Gus G e Andrea Martongelli

Intervista a Gus G e Andrea Martongelli

Nelle splendide atmosfere vintage del My Toy di Marcianise (CE), lo scorso 12 ottobre il re della chitarra Gus G (Ozzy Osbourne, Firewind) si è esibito nella performance conclusiva della sua Guitar Clinic italiana. A introdurlo egregiamente ci ha pensato il grande Andrea Martongelli (ex Fear of Fours e Power Quest ), attuale chitarra solista degli Arthemis e responsabile nazionale della Cattedra di Chitarra Rock-Metal al Modern Music Institute di Brescia e Verona.
Cordiali, semplici, e amichevoli (come solo i musicisti più geniali sanno essere) tra mozzarelle di bufala, affettati, e tante risate, ci hanno concesso questa breve intervista in esclusiva per Under Radio.
E mentre riff e assoli si prendono una piccola pausa..buona lettura a tutti voi!

(Intervista realizzata da Annalisa Esposito, in collaborazione con Fabio Perri e la redazione heavy metal di Under Radio. Si ringrazia Luca Alfieri, Morris Franceschetti, e tutto lo staff della Route to Hell per la disponibilità)

1. Gus, ottobre sarà un mese molto impegnativo per te. Prima il tour italiano con uno dei più grandi chitarristi metal di questo paese, poi in Australia con i Firewind. Come ti senti a proposito?
Direi che mi sento..assonnato! (Ride). Dopo il tour italiano tornerò a casa, in Grecia, per un paio di show. Una settimana dopo mi aspetta la Svezia con il Metal Expo, e il tour australiano con i Firewind. E per finire, a novembre partirò per il Giappone.

2. Com è nata l’idea di fare una Clinic con Andrea Martongelli?
Conosco Andrea da sei anni, avendo condiviso con lui lo stesso palco in più occasioni. Di recente mi hanno chiamato per realizzare questo progetto assieme, ed eccoci qui.

3. Com è stato dividere il palco con una vero “dio del metal” del calibro di Ozzy Osbourne, nello stesso ruolo ricoperto dal leggendario Randy Rhoads?
Fantastico. Mi sono goduto ogni momento. E’ un onore e un piacere suonare con lui, e l’incisione dell’album “Scream” ha pienamente soddisfatto le mie aspettative.

4. Quali sono i progetti di Gus G per il 2014?
Il mio album strumentale da solista, che uscirà l’anno prossimo.

5. ..Un nuovo album dei Firewind?
Per quanto riguarda questo, ci penseremo dopo esserci presi una pausa.

 

————–

1.  Ciao Andrea! Allora, come sta andando questa Guitar Clinic? Da cosa è nata l’idea?
Io e Gus ci siamo conosciuti nel 2007, mentre eravamo in tour rispettivamente con i Power Quest e con i Firewind. Da lì è nata una grande amicizia, e siamo rimasti in contatto tutti questi anni. Perciò l’idea ci è venuta in mente semplicemente così, un bel giorno gli ho detto: “ci piacerebbe averti qui a suonare per noi”, e poi con i ragazzi della Route to Hell siamo riusciti a mettere su anche questa fantastica data qui al My Toy di Marcianise. Finora le altre sono state un successo. Ci siamo divertiti tantissimo, sono capitate storie incredibili (ride), e non vediamo l’ora di proseguire su questa lunghezza d’onda stasera!

2. Avrei voluto chiederlo a lui, ma giro la domanda a te: avete mai pensato ad una collaborazione discografica?
Diciamo che lui è già impegnatissimo, fra il tour con i Firewind e il suo album da solista, che uscirà l’anno prossimo, e anch’io ho al momento diversi impegni con gli Arthemis, il nuovo album che stiamo scrivendo e il tour in Gran Bretagna a fine novembre.

3.  Tour e nuovo album, saranno questi i nuovi progetti con la tua band?
Sì, e poi a fine novembre suoneremo all’Intrepid Fox di Londra e all’Hard Rock Hell VII, più un mio nuovo album da solista in cantiere.

4. Un’ultima domanda: noi abbiamo sempre visto l’Andrea che si scatena sul palco. Che differenza c’è tra questo e il premuroso insegnante del Modern Music Institute?
Bè, sono sempre io, sia sopra che sotto il palco! (ride). Diciamo che sono entrambi due “personaggi” da cui si impara continuamente. Da un lato è bello insegnare a ragazzi che si addentrano nel mondo del rock e del metal, così come adoro allo stesso modo suonare dal vivo su palchi ben conosciuti.

Leave a Reply