Blog Post

Ultime News
30 dicembre 2013
Ghost: intervista a Nameless Ghoul

Ghost: intervista a Nameless Ghoul

Lo scorso 4 Dicembre abbiamo avuto il piacere di collegarci telefonicamente con uno dei Nameless Ghouls, i sacerdoti della corte di Papa Emeritus II, leader dei Ghost. L’intervista è stata trasmessa in streaming su Impact lunedì 9 Dicembre e per l’occasione molti fedeli della curia maligna si sono raccolti ad ascoltare il verbo di Nameless Ghoul. Oggi, sul finire di questo 2013 che li ha visti più che mai protagonisti della scena mainstream, tiriamo fuori dai nostri archivi la più sacrilega delle nostre registrazioni. Nameless Ghoul discute insieme a noi dell’ultimo EP, “If You Have Ghosts”, dell’organizzazione del prossimo conclave (leggi nuovo album), dell’impatto avuto dai Ghost sulle nazioni extra europee e non solo. Lasciamo a te il divertimento di scoprire le tante curiosità legate all’intervista che ti rendiamo disponibile in formato audio su YouTube e – per chi non sapesse l’inglese – in quello “cartaceo” sottostante. A voi!

Montaggio video: Giordano Loddo
Montaggio audio: Andrea Arditi

INTERVISTA:

UnderRadioRock.com: Signore e Signori, per favore, non leggete l’intervista che segue a meno che non siate pronti a concedervi totalmente al potere del peccato e del male. Dalla Chiesa dei Ghost, guidata da Papa Emeritus II, vi prego di dare il benvenuto a Nameless Ghoul.
Nameless Ghoul: Grazie, molte grazie.

UnderRadioRock.com: Partiamo con una domanda che farà riflettere tutti noi: i Ghost sono diventati Ghost B.c. per questioni legali. Nel frattempo, Joseph Ratzinger si è dimesso, dichiarandosi “Papa Emerito” (Papa Emeritus). Quindi: perché non procedere per vie legali verso l’ex papa Benedetto XVI, visto che il titolo di Papa Emerito appartiene a tutti gli effetti alla chiesa dei Ghost B.C.?
Nameless Ghoul: Prima di tutto, devo sottolineare che il nostro nome non è Ghost B.C. . E’ Ghost. Ci chiamiamo Ghost B.C. solo in America e in tutti quei territori in cui siamo distribuiti dalla Universal. Ci riferiamo a noi stessi solo come Ghost. Questo è un piccolo monito… Parlando di Benedetto: sì, è davvero ironico che si sia autoproclamato con questo titolo… Anche perché non lo può essere, visto che essere Papa Emeritus vorrebbe dire essere morti. Quindi non intendevamo essere così paradossali, quando Benedictus è diventato Papa Emerito. Possiamo lasciargli tenere il titolo, per adesso… Ci sta bene… Non cambia niente.

UnderRadioRock.com: Quindi siete abbastanza carini da permetterglielo… Ok, di recente avete pubblicato l’EP “If You Have Ghosts”, che non è un vero salmo come Opus Eponymus o Infestissumam: contiene 4 cover e nessun inedito. Papa Emeritus II è quindi ancora al suo posto, ma quando verrà organizzato il prossimo conclave?
Nameless Ghoul: Probabilmente per la fine del 2014, perché avverrà in concomitanza con la stesura del nostro terzo disco.

UnderRadioRock.com: Vedo che hai colto in pieno il senso della mia domanda. Quali caratteristiche deve avere un “normale” prete del male per essere eletto Papa Emeritus?
Nameless Ghoul: Beh, deve essere uno molto sveglio, capace di sussurrare, ma anche di ruggire e di avere una voce molto simile a Papa Emeritus I e Papa Emeritus II. Avere un bell’aspetto può aiutare…

UnderRadioRock.com: Anche perché ho visto, nel documentario Papaganda, che il Pontefice è uno a cui piace intrattenersi con le signore….
Nameless Ghoul: – Eh sì… gli piace andare a segno…

UnderRadioRock.com: Sì, sì… Gli piace darsi ai piaceri carnali! If You Have Ghost esce il 19 novembre ed è una raccolta di cover: Depeche Mode, Roky Erickson, ABBA, Army Of Lovers. Hai voglia di darci un aggettivo per ognuna di queste cover?
Nameless Ghoul: Beh, sì. In fondo è solo una manciata di canzoni che abbiamo scelto perché ci piacciono; ascoltiamo un sacco di musica diversa, scegliamo con cognizione di causa canzoni su cui possiamo esprimerci. Ci lavoriamo sopra per renderle nostre, non ci limitiamo a replicarle come le originali e questo è anche il motivo per cui in genere ci teniamo alla larga dai brani metal in senso stretto: sono composizioni a cui non possiamo aggiungere molto di nostro e quindi non ci diverte.

UnderRadioRock.com: Posso capire… Il produttore è Dave Grohl, una delle leggende del rock che, insieme a Phil Anselmo e James Hetfield, vi ha dato una sorta di benedizione musicale. Come è nata questa collaborazione? Lavorerete con lui ad altri progetti, o collaborerete con altri fedeli della chiesa dei Ghost?
Nameless Ghoul: Non ne sono sicuro. La collaborazione con Dave è stata molto spontanea, una sorta di decisione istantanea: ci siamo incontrati, abbiamo pensato di lavorare insieme e l’abbiamo fatto. Non so se lo rifaremo perché non ne abbiamo più discusso. Sicuramente registreremo altre cover in futuro, ma se sarà con Dave o con qualcun altro non so dirlo… In questo momento.

UnderRadioRock.com: Ciò che la gente ama nei Ghost è l’unione perfetta tra l’immagine visiva e i contenuti. Mi spiego: se ascolti Opus Eponymous sembra di essere in un horror gotico, con Elizabeth e tutte le sue atmosfere; quando ascolti Infestissumam, invece, ti sembra di vivere dentro un film tipo Rosemary’s Baby. Dovessi scegliere un’atmosfera tipica di un film horror in particolare, quale sceglieresti per i vostri album?
Nameless Ghoul: Mh… Penso Omen. L’intera serie di Omen ritengo sia quella più vicina alle atmosfere che vogliamo dare ai nostri dischi.

UnderRadioRock.com: Ok… Parliamo di Papaganda: il primo documentario parla della dinastia dei Papi nella chiesa dei Ghost. Puoi rivelare ai nostri ascoltatori dove si trova, adesso, Papa Emeritus I?
Nameless Ghoul: È confinato nelle celle del nostro ministero, in attesa di nuovo ordine… Ma è opportunamente rifornito di compagnia di belle signore e comfort vari… Quindi è in un buon posto.

UnderRadioRock.com: Allora è ben servito… Sai, mi stavo preoccupando… Di cosa parlerà il prossimo episodio di Papaganda?
Nameless Ghoul: Ehm… Lo vedrai tu stesso: il nuovo episodio sta per uscire, quindi… Si potrà vedere qualche scappatella del Papa…

UnderRadioRock.com: Ho visto che Papa Emeritus II parla quasi perfettamente l’Italiano, mi chiedevo se fosse una delle caratteristiche che il Papa debba avere.
Nameless Ghoul: Non necessariamente… Noi cerchiamo figure passionali, dal sangue caldo, quindi viene naturale volgere lo sguardo verso Sud, credo…

UnderRadioRock.com: Ah, no… me lo chiedevo perché il linguaggio ufficiale della curia è l’Italiano. Non importa da dove arrivi un Papa: lui deve esprimersi in Italiano, per cui mi chiedevo se fosse lo stesso per la Vostra Chiesa.
Nameless Ghoul: Abbiamo un approccio similare, sì…

UnderRadioRock.com: Non puoi davvero darci altre anticipazioni su Papaganda riguardo i Nameless Ghouls?
Nameless Ghoul: No, non posso scendere troppo nel dettaglio: penso che rovinerei la sorpresa. Posso dirti che è stato girato a Las Vegas!

UnderRadioRock.com: Ok, ci basta questo, rispettiamo la Vostra posizione. La prossima domanda riguarda come siete stati ricevuti negli Stati Uniti. Intendo dire: lì, in molti Paesi la gente è molto cattolica, argomenti come la religione sono presi molto seriamente…
Nameless Ghoul: Siamo stati trattati molto bene: abbiamo avuto un grosso impatto su tutto il Sud America, perché abbiamo suonato al Rock In Rio, che è stato trasmesso in diretta sulla tv Nazionale. Abbiamo constatato in prima persona quanto faccia la differenza avere quel tipo di esposizione. Ovviamente c’è stata un po’ di indignazione nei confronti della band e si sono aperti molti dibattiti, ma la cosa comporta anche nuovi fan e interesse per la band.

UnderRadioRock.com: L’Italia vi aspetta quest’estate, dovete preparare una bella messa nera perché l’attesa dei vostri fan, qui nello Stivale, è molto alta.
Nameless Ghoul: Sì, ne siamo molto contenti, specialmente di tornare a Marzo, sarà molto bello…

UnderRadioRock.com: Oh, fantastico! E dove sarete a Marzo?
Nameless Ghoul: Non ne sono ancora sicuro: so solo che stiamo pianificando un tour Europeo per Marzo che toccherà molti di quei Paesi lasciati fuori da quello appena lasciatoci alle spalle.

UnderRadioRock.com: Perfetto, bene, spero che la nostra web-radio riceva la benedizione maligna dei Ghost e porgo i saluti a te, come ovviamente anche al resto della band.
Nameless Ghoul: Grazie. Apprezziamo molto!

|

Leave a Reply