Blog Post

Ultime News
18 settembre 2015
corey-taylor-donald-trump

Corey Taylor vs Donald Trump: «Se vince emigro in un’isola dei Caraibi!»

||
0 Comment
|

La candidatura a presidente degli Stati Uniti del miliardario Donald Trump sta causando un autentico vespaio in America: l’ultimo a schierarsi apertamente contro la sua corsa alla Casa Bianca è stato il singer degli Slipknot e degli Stone Sour, Corey Tayolr, convintissimo oppositore di Trump. Negli Usa non passa giorno che le dichiarazioni dell’istrionico candidato alla presidenza non accendano una serie infinita di accesissime polemiche; sull’argomento Taylor è stato piuttosto ironico e sarcastico:

«Trump Presidente degli Stati Uniti? E’ uno scherzo vero?! Ancora non mi sembra possibile che un personaggio del genere possa venire eletto, tanto varrebbe far correre per la Casa Bianca anche qualche comico, c’è ne di divertentissimi in America.»

Riguardo alla situazione politica degli Usa, Corey Taylor ha dichiarato: «Le cose in questo paese si stanno muovendo nella direzione contraria di come la penso io poi se vincesse Trump…non voglio neanche pensarci! Sinceramente sto pensando d’andarmene da qui, magari mi trasferirò in Inghilterra, no troppo cara! In Belize? Magari mi compro un’isoletta anch’io e vado a vivere laggiù. Oppure me la compro ai Caraibi, ho già visto i prezzi delle isole on line, investi 500.000 $ e te ne compri una!»

Al coro di artisti Metal schierati contro Trump si aggiunge così anche Corey Taylor, il quale si trova sulle stesse posizioni di Randy Blythe, singer dei Lamb of God. Anch’egli intervistato riguardo la candidatura di Donal Trump, Blythe aveva dichiarato al radio show “Metal Shop” quanto segue: «Non fatevi fottere da quel tipo!».

«Sono nei Lamb of God da vent’anni e lavoro da quando ne avevo 14. Per 10 di questi 20 anni ho lavorato come copri tetti e come aiuto cuoco allo stesso tempo; Donald Trump non sa che cosa fa l’uomo comune. Non ha la minima idea di che cosa fa una persona normale per riuscire a pagarsi le bollette. Non gliene frega un cazzo di te; gli frega solo di proteggere i suoi affari e le sue lobby. Capite cosa intendo? Quindi non fatevi fottere da quel tizio, ma soprattutto non fatevi fottere da quei cazzo di capelli che porta. Non ha alcun bisogno di essere presidente degli Stati Uniti. Solo perché sei ricco non vuol dire che dovresti fare il presidente».

Blythe continua: «Tagliamo i fondi per la campagna, ok? Tagliamoglieli tutti. Internet è gratis, okay? Perché non parlare dei problemi veri. Questi personaggi non hanno bisogno di un miliardo di dollari per portare avanti una campagna presidenziale. Andate su YouTube…informatevi, è tutto un in inganno. Non solo la presidenza, ma il nostro congresso è una disgrazia. Politici bipartisan, capaci solo a farsi la guerra per i loro interessi. Perché non si interessano degli americani al posto se decidere se essere democratici o repubblicani. Parlassero dei problemi veri.»

 

Leave a Reply